Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Povero Pd, umiliato persino da Enrico Letta. A Siena nasconde il simbolo del partito che dirige

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

I grillini fanno la desistenza e lo votano solo se cancella il Pd dalla scheda elettorale. I suoi bodyguard del territorio hanno già pronta la scusa: ma dai, è un collegio uninominale, si va con la coalizione. Che però non si vede, perché magari non era certo di poter disporre del simbolo di Italia Viva che da quelle parti i voti li ha. Così tenta di prendere voti da alleati che si odiano, come renziani e grillini, senza appaiarli sulla scheda.

 


Anche perché se si va a dare uno sguardo ai simboli nei collegi uninominali maggioritari delle politiche 2018 e i simboli dell’alleanza di sinistra invece c’erano tutti schierati accanto ai nomi di ciascun candidato di coalizione. Insomma, una balla.
Corredata anche da quello che succede a Roma. Nella Capitale, infatti, si voterà per il collegio di Primavalle nello stesso giorno di Siena e delle comunali. Lì il Pd schiera il segretario romano, Andrea Casu, non proprio conosciutissimo che invece il simbolo accanto a sé lo vuole eccome.
Lì semplicemente la coalizione non c’è proprio a causa dell’accoppiamento di candidati sindaci sul fronte sinistro dell’elettorato. Pescano nello stesso bacino la Raggi per i Cinquestelle, Calenda per Azione e il martire Gualtieri per il Pd.
Insomma, stanno nei guai. 

 


Ma che il segretario nazionale del Pd rinunciasse al simbolo del proprio partito era qualcosa di inimmaginabile. Lo fa per i voti pentastellati perché in sostanza è Letta il primo a non credere nella forza dell’organizzazione politica che rappresenta, nel fascino che si poteva immaginare avesse ancora. E se non ci crede lui, perché dovrebbero cascarci gli elettori di Siena?
Tanto più che i guai ancora più seri li sta provocando la condotta del ministro dell’economia Franco con i pasticci sulla trattativa tra Monte dei Paschi e UniCredit. Anzi, nessuna trattativa. Le voci che circolano parlano di una vera e propria resa, a partire dall’antico nome della banca rossa, destinato a finire nel cestino.
Come il simbolo del Pd…