Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gli scappati di casa cominciano ad innervosirsi per i ritardi di Conte (e per il Pd)

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

Le loro chat sono quanto mai esplicite. E siccome negli ultimi tempi sono diventati gentili, te le fanno vedere. E quello che era un sospetto diventa realtà. Mica è vero che nei Cinque stelle c’è tutto questo amore verso Giuseppe Conte. Anzi, i più si stanno innervosendo.

 

 


L’ex premier tarda troppo ad adempiere agli impegni che si era assunto. Anche perché doveva nascere un direttorio a cinque che il suo annunciato avvento ha già demolito. Conte ha fatto sapere che se lui va alla guida del M5s ci va con pieni poteri e senza rompipalle in mezzo.

La democrazia.
Di statuti, regolamenti, dirigenza, non c’è ancora traccia chiara. E si guarda al Pd che in pochi minuti ha trovato il proprio assetto con Enrico Letta, anche se ovviamente molti nutrono dubbi sull’efficacia dell’azione del nuovo segretario. Ma intanto ce l’hanno.
Poi, a proposito di Pd, nelle conversazioni tra i dirigenti pentastellati la preoccupazione cresce quando sentono Letta parlare di colloqui con personaggi come Matteo Renzi e Carlo Calenda. È come sventolare il drappo rosso alla corrida.

 

 


“E noi stiamo fermi ad aspettare il messia”, scrive uno dei più autorevoli viceministri trombato dal governo di Mario Draghi. Il tatticismo sta esasperando la falange grillina, e questo spiega anche l’improvvida uscita del Guru sulle interviste che i giornalisti sarebbe autorizzati a fare quando sentono deputati e senatori Cinque stelle. Stanno fuori di testa e ora se la prendono proprio con Conte. Ne avremo di popcorn da consumare…

Per non parlare dello scontro con Davide Casaleggio e la sua Piattaforma Rousseau. Questione di soldi e di linee politiche su cui confrontarsi con la mitica base. Hanno già mandato a ramengo ogni brandello di democrazia diretta, si scannano per la gestione dei Cinque stelle. Alla fine, Conte non ha tutto i torti ad aspettare di capire in quale circo si sta ficcando