Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vivere sempre al massimo

Roberta Salvati
  • a
  • a
  • a

Buongiorno cari lettori. L'aria del Natale si fa sempre più sentire, e per me, è un'aria che porta ricordi indelebili e preziosi. Ho sempre amato moltissimo questo periodo dell'anno, e l'atmosfera magica che è capace di creare anche se, da due anni a questa parte, per me non è più lo stesso. L'ultimo Natale che ricordo insieme a mia madre, è un momento pieno di vita, nonostante fossimo circondate solo da morte e disperazione. Avevamo avuto da poco più di un mese la mia diagnosi di cancro, e qualche giorno dopo anche la sua. Con la differenza che io la mia partita avrei potuto provare a giocarmela, mentre per lei non fu così, infatti ci venne detto sin da subito che, da lì a poco, se ne sarebbe andata per sempre. Ricordo tutto di quel Natale, perché avevo la consapevolezza, e la rabbia, che sarebbe stato l'ultimo da poter vivere insieme. E proprio quella consapevolezza fece in modo che io me lo godessi in ogni sua sfumatura. Sarebbero state le ultime canzoni ascoltate insieme, gli ultimi addobbi, i nostri ultimi regali, i nostri ultimi film natalizi, la nostra ultima Santa Vigilia. Di colpo, tutto prese un'importanza indescrivibile. Tutto ciò che da anni vivevo in modo scandito e ripetitivo, quasi automatico, in quel momento mi sembrò qualcosa di così infinitamente prezioso da farmi sentire una stupida per tutte le volte che lo avevo vissuto lasciandolo scorrere senza dargli la giusta importanza. Quante volte vi capita di vivere situazioni in cui non ci siete realmente? Quante volte vi capita di fare qualcosa solo perché lo fate sempre ? Perché va fatto? Ecco. Vi invito a riflettere su quei momenti. Su quegli istanti di cui non capiamo mai sino in fondo la vera importanza. Non la capiamo sino a che non arriva qualcosa o qualcuno a dirci che non li potremo più vivere. Non li apprezziamo fino a quando non ci vengono tolti per sempre. E allora perché aspettare a goderci davvero la nostra vita ? Perché non cominciate a dare davvero importanza a ciò che vi circonda? A chi vi è accanto? Vivere sempre al massimo, con la consapevolezza che ogni istante che ci viene concesso è un dono meraviglioso. Non so cosa darei per poter rivivere anche solo un secondo del nostro ultimo Natale. Un suo sorriso. Un suo abbraccio. Una sua parola. Nonostante il nostro cuore urlasse una disperazione disumana, i nostri sguardi erano affamati di vita. Siatelo anche voi. Insaziabili di vita. Grazie per la vostra continua e affettuosa vicinanza. L'amore della gente è qualcosa di stupendo. Vi abbraccio. [email protected]