Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il futuro del cibo, in Francia spuntano sempre più i piatti con gli insetti

  • a
  • a
  • a

Il futuro dell'alimentazione? Anche gli insetti. L'agenzia Reuter spiega che il menu di degustazione dello chef Laurent Veyet "non è per i deboli di cuore". Come ad esempio l'insalata di vermi gialli, oppure gli insetti su un letto di verdure e ancora le cavallette di cioccolato. L'agenzia spiega che i piatti decorati di Veyet stanno ormai conquistando approvazioni e mormorii di soddisfazione della sua clientela, molto particolare e per certi versi avventurosa. Lo chef parigino preparando una porzione di pasta fatta proprio con la farina di vermi, le patate dolci e le larve di insetti ha spiegato che "è il gratto ideale per i principianti" e che "ci sono alcuni gusti davvero interessanti. Non molte persone potrebbero dire che non gli piacciono".

La Reuters spiega che l'Agenzia europea per la sicurezza alimentare, l'Efsa, a gennaio ha ritenuto il verme della farina adatto al consumo umano e a maggio ne ha approvato la vendita sul mercato. L'agenzia, tra l'altro, ha messo in campo oltre una dozzina di altre applicazioni per prodotti alimentari a base degli insetti, inclusi i grilli e le locuste. Inoltre il verme della farina e gli insetti più in generale, potrebbero offrire una nuova fonte di cibo sostenibile e a quelle che sono considerate le basse emissioni di carbonio per il futuro. Insomma può essere letteralmente una parte dell'alimentazione del futuro. 

Il pilota automobilistico Soheil Ayari, dopo una cena con le figlie, ha spiegato che "mi sento come se fossi in un ristorante tradizionale, tranne per il fatto che il concetto alla base di ciò che sto mangiando è diverso. E onestamente, i gusti sono molto simili (al cibo normale)". Ma anche proprio la sua figlia più giovane ha spiegato che "è ecologico e per di più più buono". Tra le altre cose Veyet coltiva i suoi verme della farina sul posto, nutrendoli con avena e verdure. Mentre il verme della farina può sembrare un verme poco appetitoso, in realtà sono le larve dello scarabeo oscuro, ricche di proteine, grassi e fibre.