Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Premio Vittoria Aganoor Pompilj, ecco la terna dei finalisti

Il pubblico dell'edizione 2014

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Resi noti dalla giuria la terna di finalisti della seconda sezione del Premio letterario nazionale Vittoria Aganoor Pompilj, promosso dall'amministrazione comunale di Magione. A contendersi il primo premio, il vincitore assoluto verrà reso noto in occasione della cerimonia di premiazione che avrà luogo domenica 13 settembre nell'ambito della quarta edizione del Festival delle corrispondenze di Monte del Lago, sono, in ordine alfabetico: Fernanda Bevagna, Magione; Vittorio Cartozzolo, Trento e Liliana Sghettini di Pescara. La giuria, presieduta dalla poetessa Vittoria Bartolucci, ha segnalato inoltre le lettere di Mauro Barbetti, di Ancona e Susanna Furcas, di Cagliari. La seconda sezione del premio, giunto alla sedicesima edizione, è riservata a componimenti inediti sotto forma di lettera. I partecipanti devono trarre ispirazione da una frase tratta dai carteggi della poetessa Vittoria Aganoor a cui il premio è dedicato. La frase dell'edizione 2015 era: “I poeti si rifugiano nel sogno… ed io, tanto per darmi l'aria di poeta faccio lo stesso” tratta da: Vittoria Aganoor, lettere di amicizia a Marina Sprea Baroni Semitecolo (1881-1909) a cura di Ornella Pittarello, Bologna, Nuova Si. Il premio Vittoria Aganoor Pompilj oltre a favorire, tramite la seconda sezione, il ritorno alla scrittura della lettera, genere letterario ormai in disuso ma che vanta millenni di storia, prevede una prima sezione riservata ad opere in lingua italiana nelle quali vengono pubblicati carteggi e/o corrispondenze epistolari di figure rappresentative, in ambito culturale, della società italiana. La giuria, presieduta dalla scrittrice Clara Sereni, renderà noto il vincitore nel fine settimana.