Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il film nato a Castel Giorgio in concorso a Cannes

Gabriele Anselmi
  • a
  • a
  • a

L'effetto Cannes travolge l'Alfina: “Le Meraviglie” di Alice Rohrwacher è l'unico film italiano in concorso. L'effetto della seconda pellicola della giovane regista cresciuta sulle colline di Castel Giorgio è dirompente. Dopo “Corpo Celeste” che nel 2011 le era valso il Nastro d'Argento come migliore attrice emergente, il film “Le Meraviglie” interamente girato nella sua terra tra Umbria, Lazio e Toscana sbarca alla rassegna francese come unico lavoro in concorso per la Palma d'oro. “Un'emozione grandissima per me, per la mia famiglia, per tutte le persone che hanno lavorato al film, molte delle quali alla prima esperienza - dice Alice Rohrwacher con una voce comprensibilmente entusiasta -. Incrociamo le dita e vediamo cosa succedere, ma è già un grandissimo traguardo essere in concorso a Cannes”. Alice ha vissuto con il padre Reinhard, la madre Annalisa e la sorella Alba, in un casale sulle colline di Castel Giorgio e forse, per uno strano destino della sorte, da quel casale dove i genitori ancora vivono gestendo l'attività di apicoltura, le due sorelle hanno iniziato il loro cammino verso una consacrazione cinematografica che proprio nel film “Le Meraviglie” le unisce per la prima volta. “Lavorare con Alba è stato meraviglioso, condividere questo percorso insieme mi ha regalato e ci ha regalato emozioni particolari”, confessa Alice che nel suo film oltre alla sorella ha diretto anche Monica Bellucci della quale dice: “E' stata straordinaria, è entrata nel progetto in modo unico e per me è stata altrettanto unica l'opportunità di averci lavorato”.