Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La caccia gastronomicaalle antiche originidelle Bartocciate dolci

Alcune studiose ed esperte di gastronomia storica hanno sviluppato serie ed attente ricerche che hanno permesso di riportare alla luce la ricetta nelle sue varianti storiche, e presenteranno il risultato del loro lavoro lunedì 24 febbraio, alle ore 17, alla Sala Sant'Anna in viale Roma,

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

Durante le Giornate del Bartoccio 2014, tra le tante altre iniziative ne è prevista una per lunedì 24 febbraio, che non mancherà di suscitare la curiosità e l'interesse dei golosi perugini: la degustazione delle Bartocciate dolci, un dolce di carnevale ispirato alla maschera perugina del Bartoccio. Mentre infatti con il termine di Bartocciate siamo abituati a pensare a testi satirici piuttosto “salati” o “salaci”, le nostre antenate hanno realizzato anche delle Bartocciate dolci: si tratta di dolcetti fritti, composti da ingredienti poveri, da assaggiare a carnevale per accompagnare le frizzanti battute del Bartoccio. Si tratta infatti di una ricetta risalente forse alla seconda metà dell'Ottocento, e tramandata oralmente da alcune famiglie perugine. Alcune studiose ed esperte di gastronomia storica, come Chiara Giontoni, esperta di ricette umbre, e Rita Boini, giornalista e scrittrice di fortunati testi di cucina umbra, coordinate da Francesca Silvestri, Presidente della Accademia Italiana Gastronomia Storica, hanno sviluppato serie ed attente ricerche che hanno permesso di riportare alla luce la ricetta nelle sue varianti storiche, e presenteranno il risultato del loro lavoro lunedì 24 febbraio, alle ore 17, alla Sala Sant'Anna in viale Roma, in una manifestazione dal titolo Dolci Bartocciate. Presentazione e degustazione del dolce del carnevale perugino Seguirà, ovviamente, la degustazione delle bartocciate, preparate da Silvana Andreani del ristorante L'Alberata di Collepepe. Il carnevale perugino unirà dunque il dolce delle Bartocciate mangerecce all'amaro delle Bartocciate satiriche.