Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Apre il centro per il riuso che dà una mano all'Operazione Mato Grosso

alessandra Borghi
  • a
  • a
  • a

Una cucina, sedie dipinte, lampade da tavolo, libri, una cyclette, pesi, giochi, un box per bambini. Il Centro del riuso all'interno dell'isola ecologica di San Marco ha aperto i battenti solo giovedì scorso, ma ha già accolto nell'area espositiva almeno un centinaio di oggetti che, diventati inutili per qualcuno, potranno ancora servire ad altri. Sì, perché, in base alle linee guida della Regione (che ha previsto in tutto l'apertura di 11 centri) chiunque abbia interesse può recarsi a prelevare i beni esposti, “indipendentemente dal territorio di competenza del centro”. E' questo l'obiettivo della struttura, la prima nel territorio comunale: offrire alle cose una seconda chance di vita senza farle entrare nel ciclo dei rifiuti e quindi risparmiando sui costi di smaltimento. “La novità piace, in pochi giorni di apertura molti cittadini ci hanno lasciato parecchie cose”, spiega Diego Ottaviani dell'associazione Merkasino a cui il Comune ha affidato il Centro. I contributi per il prelievo degli oggetti (le cifre sono stabilite dal Comune) saranno interamente destinati al sostegno dell'Operazione Mato Grosso.  Servizio integrale sul Corriere dell'Umbria dell'8 aprile