Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Tar dà ragione a Noemi: sì alle cure all'estero

alessandra Borghi
  • a
  • a
  • a

La Usl Umbria 1 ha “l'obbligo di consentire la fruizione delle cure richieste a tutela della continuità terapeutica”. Così ha deciso la prima sezione del Tar dell'Umbria dando ragione a Noemi, la bimba affetta da una malattia genetica rara che da cinque anni si sottopone a riabilitazione in un centro specializzato del Texas. E' stato infatti accolto il ricorso presentato dai genitori della piccola, assistiti dall'avvocato Michele Bromuri. Servizio integrale sul Corriere dell'Umbria del 2 marzo