Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La sequestra in casa e le rompe le costole. Lei scappa ma poi lui la stalkerizza con 2.000 telefonate

default_image

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

L'ha sequestrata per un giorno a casa sua, a Perugia, dove lei l'aveva ospitato per qualche giorno. Ma lui non voleva andarsene e per questo l'ha chiusa dentro. Poi l'ha picchiata: pugni, schiaffi e calci in faccia. Le ha rotto le costole.Quaranta giorni di prognosi. Lei è riuscita a scappare solo quando lui si è addormentato. Poi per cinque mese l'ha stalkerizzata con duemila telefonate. Minacce di morte del tipo: "Ti ammazzo, ti faccio a pezzi". E lei non è più potuta rientrare a casa sua. Così per un 44enne albanese è stato chiesto il rinvio a giudizio per sequestro di persona, lesioni e atti persecutori (stalking) nei confronti di una connazionale. Servizio completo nell'edizione del 28 febbraio del Corriere dell'Umbria