Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

“Sosta selvaggia, qui servono i controlli”

alessandra Borghi
  • a
  • a
  • a

Ventiquattro zone della vergogna. Quelle dove marciapiedi, isole pedonali o piazze storiche subiscono l'invasione quotidiana delle auto. “Perugia Sosta Selvaggia”, il gruppo nato su Facebook un anno fa e che ora si è dotato anche di un logo, ha disegnato la mappa del centro storico (e non solo) che dovrebbe fare arrossire i perugini: è frutto delle segnalazioni degli iscritti, che ogni giorno immortalano con il cellulare le soluzioni escogitate da chi, non trovando parcheggi gratuiti e snobbando quelli a pagamento, si dedicano alla sosta “fuori legge”. La mappa dei 24 punti dove le regole saltano, da piazza Danti a via XIV Settembre alla Conca, è quindi destinata ad aggiornarsi. Servizio integrale sul Corriere dell'Umbria del 22 febbraio