Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Minaccia di morte l'arbitro: la società caccia il giocatore

Mauro Barzagna
  • a
  • a
  • a

La minaccia di morte da parte di un giovane calciatore della Nestor Marsciano all'arbitro nel corso della gara del campionato Juniores A2 contro il Massa Martana ha avuto un ulteriore effetto. Dopo la squalifica fino all'8 aprile disposta dal giudice sportivo, nei confronti del ragazzo che aveva inveito contro il direttore di gara dicendogli "Ti ammazzo, ti do un cazzotto" è arrivato un provvedimento ancor più severo da parte della società. Il presidente Danilo Rosati ha annunciato che il ragazzo è stato escluso definitivamente dalla squadra e decisioni importanti verranno prese anche nei confronti dei due allenatori, ai quali nel frattempo sono stati bloccati i rimborsi. Servizio completo sul Corriere dell'Umbria del 9 febbraio 2019