Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spacciatori con permesso turistico: tre arresti

default_image

Mauro Barzagna
  • a
  • a
  • a

I carabinieri della compagnia di Città di Castello hanno eseguito tre misure cautelari emesse dal gip del tribunale di Perugia su richiesta della procura della Repubblica nei confronti di altrettanti cittadini italiani e stranieri coinvolti in un giro di spaccio di droga. Nell'operazione Boomerang sono stati arrestati due albanesi, uno di 31 anni residente a Umbertide e un altro di 32 domiciliato a Città di Castello; nei confronti di un italiano di 40 anni residente a Città di Castello, è stata applicata la misura dell'obbligo di dimora con divieto di allontanarsi dalla propria abitazione nelle ore notturne. Per provvedere allo spaccio di droga, venivano ingaggiati giovani albanesi fatti appositamente arrivare in zona dal loro Paese di origine e stazionare nei maggiori centri dell'Alta valle del Tevere a titolo di soggiorno turistico per i canonici tre mesi, durante i quali venivano invece impiegati come pusher. Tutti i particolari nell'edizione del Corriere dell'Umbria del 29 marzo 2018