Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Auto di un'associazione sportiva rubata e danneggiata

default_image

Susanna Minelli
  • a
  • a
  • a

Un'auto rubata e poi ritrovata a distanza di pochi giorni quasi completamente distrutta. Un sorta di mistero che i carabinieri di Foligno stanno cercando di sciogliere. Già perchè presenta aspetti insoliti la vicenda che ha a che fare con un furto d'auto. Ad essere rubata la vettura “ammiraglia” (quella utilizzata al seguito dei ciclisti) dell'Unione ciclistica Foligno. Secondo una prima ricostruzione i ladri sarebbero penetrati, qualche giorno fa, all'interno dei container che si trovano nei pressi del ciclodromo Giuseppe Casini di Corvia. Complice la notte, i malintenzionati non avrebbero impiegato molto nel riuscire ad introdursi indisturbati all'interno dei locali dove erano conservate le biciclette e le coppe vinte dai ragazzi che militano nelle varie squadre dell'associazione. Tuttavia, invece che puntare agli oggetti di valore, si sono messi alla ricerca delle chiavi dell'auto “ammiraglia” (un'Opel Astra station wagon acquistata solo pochi giorni prima) utilizzata dall'Unione ciclistica come mezzo di supporto durante le gare. Un'auto, fra le altre cose, riconoscibile visti gli adesivi degli sponsor sulla carrozzeria. Un dettaglio che però non ha affatto scoraggiato i ladri. A scoprire il furto sono stati i dirigenti che poi hanno subito sporto formale denuncia ai carabinieri della Compagnia di Foligno. Solo circa 24 ore dopo l'auto è stata ritrovata. In particolare è stata rinvenuta in una zona di campagna fra Colle Scandolaro e Santo Stefano dei Piccioni. L'auto, ancora funzionante, è stata tuttavia gravemente danneggiata specie sulla carrozzeria. Un caso che dunque presenta alcuni aspetti insoliti: i ladri avrebbero potuto facilmente rubare anche biciclette o altri oggetti di valore ma hanno preso solo una vettura con cui, certo, non si passa inosservati. I militari folignati guidati dal capitano Angelo Zizzi stanno in indagando al fine di fare luce sulla vicenda.