Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Furti, quattro frazioni sotto scacco

Francesca Petruccioli
  • a
  • a
  • a

Furti a raffica nelle frazioni di Cave, Maceratola, Fiamenga e Budino con abitazioni che sono state ripulite anche tre volte in un anno e la tensione cresce, tanto che i residenti non ne possono più e si sono riuniti nei locali della proloco di Cave per cercare di trovare soluzioni ad un fenomeno, ormai, dilagante. Un'iniziativa, quella di venerdì 16 febbraio, durante la quale si è parlato di tutte le possibili modalità per cercare di contrastare il fenomeno e che hanno tenuto a sottolineare gli organizzatori, era totalmente sdoganata da partiti politici. Chiedono più controlli da parte dli Comune che si dovrebbe far capo di un coordinamento con le varie forze di polizia, ma anche l'installazione di pali intelligenti, quelli con videosorveglianza integrata, collegata con la centrale dei vigili urbani e che copre un'area molto vasta. Molti di loro, dopo i furti, si sono dotati di sistemi di allarme e di finestre antisfondamento, ma la paura continua ad esserci. Specialmente per chi ha bambini. “Meno male che non mi sono svegliato quando sono entrati in casa - racconta un residente di Cave - altrimenti chissà che poteva essere accaduto”. Poi ognuno ha raccontato la sua esperienza, purtroppo, negativa. C'è chi si è visto sparire tutti i prodotti nell'orto. Chi ha incontrato i ladri, entrati nella sia casa dalle persiane blindate prese a picconate. Chi si è trovato di fronte i malviventi all'interno della sua abitazione e che li ha rincorsi. Chi è stato derubato in casa nell'unica ora della settimana durante la quale era in piscina. Un elenco dei racconti molto lungo. C'è chi ancora ora è scosso e "dormo con un occhio aperto e uno chiuso attento a ogni piccolo rumore" ha detto. E poi fioccano le segnalazioni alle forze dell'ordine ogni qual volta si incrocia un'auto “sospetta”, o un mezzo che è "forestiero" in frazioni dove tutti si conoscono.