Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lanciarono bomba molotov contro una chiesa

Felice Fedeli
  • a
  • a
  • a

La legge del contrappasso è servita a far sì che se contro la chiesa avevano compiuto un grave gesto, proprio attraverso la chiesa, intesa come istituzione, hanno svolto un percorso di ravvedimento. Così il tribunale dei minori di Perugia in sede di giudice preliminare Sergio Cutrona ha assolto due minori residenti in Altotevere, che assieme anche a maggiorenni, il cui giudizio si svolge in altra sede, si erano resi protagonisti una goliardata pesante contro l'esterno della chiesa della Pieve di Santa Maria di Selci Umbro nel comune di San Giustino un paio di settimane prima della Pasqua dell'anno scorso. Venne realizzata una simil bomba molotov e al di là delle intenzioni del gruppo prese fuoco un fazzoletto di carta che innescò il contenuto di una bottiglia di vetro con diversa benzina da ciclomotore e per la paura che potesse scoppiare vicino a loro venne lanciata alla cieca ed andò a colpire la facciata della stessa Pieve che rimase annerita così come pure la croce in ferro.