Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sparano al falco pescatore: i carabinieri forestali lo salvano

alessandra Borghi
  • a
  • a
  • a

Il personale del Nucleo Cites dei carabinieri forestali è intervenuto per il recupero di un esemplare di falco pescatore Pandion haliaetus rinvenuto nei pressi di Todi.  Si tratta di una specie molto rara e in via di estinzione in Italia e particolarmente protetta sia dalla legislazione nazionale che dalla Convenzione di Washington sul commercio delle specie in via di estinzione (nota con l'acronimo di Cites) di cui è vietato il commercio, la detenzione e la cattura. L'animale ad una prima osservazione presentava una ferita vistosa sull'ala destra. L'esemplare risultava inanellato e provvisto di gps satellitare montato a zainetto sulle spalle, elemento che garantisce un puntuale monitoraggio. La specie estinta in Italia fino dagli anni 60 del secolo scorso attualmente è presente con tre sole coppie nidificanti. L'esemplare dai primi accertamenti è nato in Italia e precisamente in Toscana lo scorso anno. Il rapace risulta appartenere ad un progetto scientifico di studio La ferita è stata causata da arma da fuoco. L'esemplare dopo le prime cure veterinarie è stato e trasportato al Centro di Recupero Fauna Selvatica “Formichella”, gestito dall'Ufficio Territoriale Carabinieri per la Biodiversità di Assisi, per la necessaria riabilitazione.