Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Papa Francesco piange per l'Ucraina davanti alla statua della Madonna: "Terra martoriata"

  • a
  • a
  • a

"Vergine Immacolata, avrei voluto oggi portarti il ringraziamento del popolo ucraino per la pace che da tempo chiediamo al Signore". È un passaggio della preghiera recitata da Papa Francesco ai piedi della statua dell'Immacolata a piazza di Spagna, per la tradizionale cerimonia dell'8 dicembre. Il Papa si è commosso e si è fermato per un momento, in lacrime. Poi ha proseguito: "Invece devo ancora presentarti la supplica dei bambini, degli anziani, dei padri e delle madri, dei giovani di quella terra martoriata. Ma in realtà noi tutti sappiamo che tu sei con loro e con tutti i sofferenti, così come fosti accanto alla croce del tuo Figlio. Grazie, Madre nostra. Guardando a te, che sei senza peccato, possiamo continuare a credere e sperare che sull’odio vinca l’amore, sulla menzogna vinca la verità, sull’offesa vinca il perdono, sulla guerra vinca la pace. Così sia". 

Papa Francesco aveva iniziato con queste parole: "Madre nostra Immacolata, oggi il popolo romano si stringe intorno a te. I fiori deposti ai tuoi piedi da tante realtà cittadine - aveva proseguito - esprimono l’amore e la devozione per te, che vegli su tutti noi. E tu vedi e accogli anche quei fiori invisibili che sono tante invocazioni, tante suppliche silenziose, a volte soffocate, nascoste ma non per te, che sei Madre. Dopo due anni nei quali sono venuto a renderti omaggio da solo sul far del giorno - ha aggiunto - oggi ritorno a te insieme alla gente di questa Chiesa e di questa Città. E ti porto i ringraziamenti e le suppliche di tutti i tuoi figli, vicini e lontani. Tu, dal Cielo in cui Dio ti ha accolta, vedi le cose della terra molto meglio di noi; ma come Madre ascolti le nostre invocazioni per presentarle al tuo Figlio, al suo Cuore pieno di misericordia".

Quando è arrivato in piazza di Spagna, Papa Francesco ha trovato una vera e propria folla ad attenderlo. Una piazza gremita, cosa che non era accaduta negli ultimi due anni a causa della pandemia, quando il Pontefice aveva reso omaggio alla Madonna da solo, nelle prime ore del mattino. Qualche ora prima i vigili del fuoco avevano apposto una corona di fiori, come da tradizione.