Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Professore ha una storia d'amore con una studentessa di 17 anni: bandito da tutte le scuole d'Italia

Christian Campigli
  • a
  • a
  • a

Una storia torbida. Che pone interrogativi morali di notevole spessore. Dubbi amletici, tra quali siano i giusti confini che un educatore debba tenere e cosa sia, in senso pratico, l'amore. Inconsistenti. Così il Tribunale, la Corte d’Appello e infine la Cassazione hanno giudicato le argomentazioni sostenute da un insegnante che è stato anche destituito dal servizio e bandito da tutte le scuole, per aver avuto una relazione con una studentessa di 17 anni. La sentenza di Cassazione risale al 20 ottobre e la storia, raccontata oggi dall'agenzia di stampa Adnkronos, è accaduta in una scuola superiore della periferia di Milano.

Il docente in aula ha sostenuto che era tutto vero, che la madre della studentessa sapeva che sua figlia aveva una relazione con un suo professore e che la ragazza fosse pienamente consenziente e che ricambiasse i suoi sentimenti. Tesi questa sempre giudicata inconsistente e smontata dal Tribunale, dalla Corte d'Appello e dalla Cassazione e per l'educatore, è stata infine confermata la destituzione dal servizio. Con una sanzione accessoria: non potrà avere in futuro alcun accesso al mondo della scuola, in nessuna posizione, né a qualsiasi altra forma di pubblico impiego. Il provvedimento disciplinare del Ministero dell'Istruzione con il quale il docente era stato allontanato per sempre dall'insegnamento risale al 14 maggio 2018.

E' stato il professore a fare ricorso in Tribunale contro questa decisione ma i giudici hanno argomentato che “il disvalore delle condotte emergeva in tutta la sua gravità considerando, da un lato, il ruolo di responsabilità e la funzione educativa assegnati al docente e, dall'altro, il fatto che gli studenti a lui affidati attraversavano un'età obiettivamente critica sotto il profilo dello sviluppo della personalità e delle modalità di interazione sociale”. La relazione con la studentessa è stata ritenuta quindi “una grave violazione dei doveri inerenti alla funzione educativa”.