Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Sirenetta nera della Disney riaccende le polemiche sui social: dibattito sulla distorsione iconografica

Esplora:

Pietro De Leo
  • a
  • a
  • a

Ennesima polemica su un certo zelo woke dell’industria globale dello spettacolo. La Disney, infatti, manda nei cinema una Sirenetta impersonata da un’ attrice di colore. Suscitando le prime azioni sdegnate sui social e l’avvio del dibattito di fronte all’ennesima distorsione iconografica a beneficio di un egualitarismo diventato ideologia. La Sirenetta, infatti, è una creazione dell’autore di fiabe Hans Christian Andersen, danese. Di questo personaggio che ha fatto sognare generazioni di bambini vi è una statua in bronzo proprio a Copenaghen e appartiene a una sfera letteraria nord europea. E’ vero che l’arte è universale, ma distorcere i contenuti e i tratti delle sue espressioni, significa violarne l’anima e la tradizione che essa allaccia lungo le generazioni.

 

 

Non vi sarebbe nessun senso se, per assurdo, magari per praticare una sorta di ribaltamento che implichi una denuncia, si producesse un film con uno Zio Tom (protagonista di un celebre romanzo per ragazzi sulla schiavitù americana) interpretato da un attore bianco. Piuttosto, la Disney potrebbe tranquillamente fare quel che già ha fatto, ed egregiamente, in passato. In un’epoca in cui le major non si sentivano in dovere di recitare il copione politicamente corretto in maniera così ligia. Erano gli anni ’90 e andava nei cinema Aladdin, riadattamento animato da una novella delle Mille e Una Notte.

 

 

Nell’opera Disney gli attori avevano, giustamente, fattezze arabe, perché la storia raccontata proveniva dalla cultura medio orientale (in realtà, ad essere ancor più precisi, nel racconto originario Aladdin era cinese). E nessuno si sarebbe mai sognato di obiettare. Così come, sempre la Disney, ha portato sugli schermi Pocahontas, rivisitazione di una storia (realmente accaduta) di un’indigena che salvò la vita ad un colono nel XVII secolo. La protagonista, correttamente, aveva le sembianze di una nativa americana. Questo a dimostrare che il novero delle molteplici culture che animano il mondo racchiude storie in cui ogni cultura, e ogni etnia, può sentirsi pienamente rappresentata, e ogni bambino di qualsiasi colore della pelle può identificarsi. Senza inutili forzature.