Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Migranti, maxi sbarco in Sicilia: a Pozzallo i 500 soccorsi dalla nave Diciotti

Christian Campigli
  • a
  • a
  • a

Un tema che sta tornando di stretta attualità. Che divide, in modo netto, destra e sinistra. E infiamma questa già rovente campagna elettorale. Stanno sbarcando questa mattina al Porto di Pozzallo i 500 migranti dalla nave Diciotti soccorsi nei giorni scorsi. I migranti sono stati recuperati da due pescherecci al largo delle coste siciliane.

 

 

"La macchina dell’accoglienza è pronta con le Forze dell’Ordine, le Autorità Sanitarie, la Protezione Civile e le Organizzazioni Umanitarie coordinate dalla Prefettura di Ragusa. Pozzallo è un porto di transito - dice il sindaco Roberto Ammatuna, intervistato dall'agenzia di stampa AdnKronos - Come sempre la nostra città è pronta ad accogliere tanti esseri umani in fuga dai loro paesi".

 

 

I numeri degli sbarchi da gennaio ad oggi sono impietosi. Secondo il cruscotto redatto ogni giorno dal Viminale, siamo giunti all'incredibile numero di 51353 africani, sbarcati sul nostro territorio attraverso il mare. Per comprendere l'assoluto fallimento della politica gestita  dall'attuale ministro Lamorgese è sufficiente confrontare le cifre dello scorso anno e di due anni fa. Nel 2021, al 23 agosto, furono 36479 gli arrivi, nel 2020 17500. Non serve un genio della matematica o della statistica per rendersi conto che, in appena ventiquattro mesi, il numero di extracomunitari arrivati in Italia è più che triplicato. E, con esso, gli ingenti costi da sostenere per il contribuente italico.