Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maltempo, due morti in Toscana. Bomba d'acqua in Veneto, stabilimenti balneari spazzati via dal vento in Liguria

  • a
  • a
  • a

Mentre al Sud l’estate è sempre più torrida (in alcune zone toccati anche i 43 gradi), al Centro Nord il maltempo è protagonista. In Toscana si sono registrati due decessi a causa delle avverse condizioni meteo: a Sorbano del Giudice, nel lucchese, e al parco La Malfa di Carrara, dove sono morti rispettivamente un uomo e una donna colpiti dalla caduta di alberi. Gli alberi sradicati dalla bufera di pioggia e vento abbattutasi sulla regione ha causato danni e feriti anche al Camping Italia di Marina di Massa. Dalla Toscana alla Liguria, dove sono state registrate raffiche di vento fino a 120 chilometri orari, abbinate a intense piogge, che hanno divelto alcune cabine degli stabilimenti balneari facendole finire sui binari della stazione di Cavi di Lavagna. Il tratto ferroviario tra Chiavari e Sestri Levante, della linea Genova - La Spezia è invece stato chiuso per problemi alla rete elettrica.

 

 

A causa del nubifragio, accompagnato da forti raffiche di vento, che questa mattina ha colpito Firenze, nel quartiere dell’Isolotto, in via della Acacie, un albero è caduto appoggiandosi a un palazzo di 4 piani. Le famiglie che abitano nell’edificio sono state evacuate in attese delle verifiche sulla struttura del palazzo. La protezione civile fa sapere di aver già ricevuto 15 richieste di intervento in varie zone della città per alberi caduti, e ha attivato sei squadre di volontari. Anche a Bagno a Ripoli, il comune fiorentino più colpito dal nubifragio di Ferragosto, vengono segnalati molti alberi caduti e vengono segnalati blackout dell’elettricità nelle frazioni di Grassina e Candeli. Publiacqua spiega che a causa di interruzione dell’energia elettrica a suoi impianti, si verificheranno problemi di approvvigionamento a Impruneta, San Casciano Val di Pesa e Strada in Chianti. Sono circa 100 le persone evacuate dalle loro abitazioni nei Comuni di Massa (30) e Carrara (70). La protezione civile sta allestendo un riparo per la notte nelle scuole e nelle palestre messe a disposizione dai comuni. Lo rende noto la Protezione Civile della Toscana.

 

 

I Vigili del Fuoco sono poi impegnati per far fronte ai danni dausati dalla bomba d’acqua e del forte vento che hanno imperversato in Veneto dalle 13. Le province più colpite sono Venezia, Belluno, Treviso e Verona, con all’attivocirca 200 chiamate. Le richieste di intervento riguardano soprattutto alberi abbattuti e la rimozione di ostacoli dalla sede stradale. Per la zona del Veneziano molte le chiamate dal centro storico di Chioggia, dal Miranese e dal litorale jesolano.