Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Naufragio Concordia, Schettino: Corte Strasburgo respinge ricorso. Nessuna "violazione di diritti e libertà"

La Costa Concordia naufragata davanti al Giglio

  • a
  • a
  • a

Sono passati più di 10 anni da quel 13 gennaio 2012, ovvero da quando la Costa Concordia naufragò davanti all'Isola del Giglio. Un incidente che è costato la vita a 32 persone e che ha visto la condanna a 16 anni di reclusione per l'allora comandante Francesco Schettino, finito al centro della polemica, oltre che per la manovra, anche per il comportamento assunto negli istanti dopo l'impatto. E proprio l'ex comandante aveva presentato ricorso per la condanna alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo, che però lo ha rigettato.

 

 

La Suprema Corte ha infatti giudicato, "alla luce dell’insieme degli elementi in possesso, che i fatti denunciati non rivelano alcuna apparente violazione di diritti e libertà". È questa la parte sostanziale delle otto righe vergate nella sentenza sul ricorso presentato da Schettino. Il provvedimento, riferisce oggi La Nazione, è stato recapitato all’avvocato napoletano Saverio Senese, che da anni segue le vicende giudiziarie del comandante, all’inizio di luglio scorso, dopo che lo stesso legale un mese prima aveva sollecitato notizie sul ricorso presentato il 12 gennaio del 2018. Poco più di tre mesi dopo essersi visto respingere dalla Corte di Appello di Genova, la richiesta di revisione del processo italiano, arriva la bocciatura europea. Il comandante e i suoi legali contavano molto sulla decisione di Strasburgo, ritenendo che tutte le sentenze italiane siano state in parte influenzate dall’esposizione mediatica di Schettino. Per il giudice Alena Polackova non è andata così. Nessuna violazione dei diritti umani.

 

 

Ma c’è un piccolo giallo sulla sentenza di Stasburgo, scrive sempre La Nazione. La decisione, secondo quanto riportato nel testo, risalirebbe addirittura al 13 gennaio scorso: cioè mentre in Italia e all’Isola del Giglio si celebrava la ricorrenza del decimo anniversario del tragico naufragio, a Strasburgo il giudice Polackova decideva che i diritti umani di Schettino erano stati rispettati. La sentenza tuttavia è stata recapitata al diretto interessato solo a luglio e dopo un sollecito. "Vogliate comunicare - scrive l’avvocato Senese nella recente richiesta di spiegazione alla Corte europea - gli estremi della raccomandata e le generalità di chi l’avrebbe ritirata, per conto e in nome del sottoscritto, visto che io non ho ricevuto alcuna missiva del 20 gennaio 2022". Il legale annuncia, nella stessa lettera, che vuole esporre il caso alla procura della Repubblica competente affinché verifichi chi abbia ritirato il provvedimento di Strasburgo. Nel frattempo i difensori del comandante attendono di conoscere la decisione della Cassazione sul ricorso presentato dopo il rifiuto della revisione del processo. Una lunga battaglia legale che il comandante continua a portare avanti. In silenzio, però. Non vuole commentare le decisioni dei giudici e continua a beneficiare di permessi per la libera uscita dal carcere romano di Rebibbia in cui è detenuto dal 2017.