Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Civitanova Marche, la morte di Alika: "la vittima finita a mani nude", la ricostruzione degli inquirenti. E ora l'aggressore chiede scusa

  • a
  • a
  • a

Omicidio volontario e rapina. Sono queste le accuse per il 32enne di origini campane che ieri pomeriggio, ha aggredito e ucciso il nigeriano Alika Ogorchukwu, 39 anni, in corso Umberto I, nel centro di Civitanova Marche. L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato. Lo ha riferito la polizia nella conferenza stampa, svoltasi questa mattina, nel commissariato della cittadina marchigiana. "Ciò che è emerso dagli approfondimenti - ha dichiarato il dirigente della Squadra Mobile di Macerata, Matteo Luconi, intervistato da SkyTg24 - è che l’aggressione sia stata scatenata da un comportamento insistente della vittima nel chiedere l’elemosina. L’uomo ha tentato di allontanarsi, ma è stato raggiunto dall’aggressore e ne è nata una colluttazione". Smentita così la tesi iniziale, sul fatto che, all’origine della tragedia, ci fosse stato un apprezzamento sgradito alla fidanzata dell’autore del delitto.

 

 

Stando alla ricostruzione della Squadra Mobile di Macerata, "Alika è stato seguito dall’aggressore, che lo ha colpito prima con la stampella, appartenente al 39enne, facendolo cadere a terra e poi a mani nude fino alla morte". Le indagini sono partite dall’ascolto dei testimoni della brutale aggressione e con la visione delle immagini delle telecamere di sorveglianza del Comune, presenti in zona. "Tutto sembra essere nato da una lite per futili motivi, con una reazione abnorme da parte dell’aggressore nei confronti della vittima che gli stava chiedendo l’elemosina", sottolinea la polizia, che esclude dunque anche motivi legati all’odio razziale. "Purtroppo i sanitari del 118 che sono intervenuti immediatamente - spiegano ancora gli inquirenti -, non hanno potuto salvare la vita della persona, che in quel momento giaceva riversa a terra". Intanto Ferlazzo ha affidato ai suoi legali un messaggio di scuse alla famiglia della vittima. La ricostruzione fornita dall’indagato agli inquirenti racconta di una lite nata perché "l’ambulante chiedeva insistentemente l’elemosina e ha anche tenuto per un braccio la mia fidanzata" svela il Corriere della Sera.

 

 

Tanti i messaggi di cordoglio arrivati alla famiglia, alla moglie Charity Oriaky che, in segno di protesta, oggi si è stesa in strada e in lacrime ha urlato più volte "voglio giustizia". "Credo che sia probabile che ci sia una componente razziale in questo omicidio per quelle che sono state le modalità dell’aggressione. L’aggressore ha sprigionato un odio e una violenza che non può trovare spiegazione se non in una spinta interiore, magari covata da tempo", ha detto a Radio Capital l’avvocato Francesco Mantella, legale della famiglia. Ad abbracciare la vedova, oggi, anche il sindaco di Civitanova, Fabrizio Ciarapica. "Questo inaccettabile episodio ci invita tutti a non abbassare mai la guardia contro ogni forma di violenza - ha detto il sindaco -. Siamo vicini alla famiglia della vittima e continueremo a fare tutto quello che è in nostro potere per combattere la violenza e per favorire la pacifica convivenza e la tolleranza".