Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, scende l'incidenza dei contagi. Invariato il dato sui ricoveri. In Umbria occupato il 44% dei letti di area medica

  • a
  • a
  • a

Ancora segnali positivi sul fronte Covid e nuove conferme che l'ondata estiva sta regredendo, anche se lentamente. A livello nazionale scendono l'incidenza settimanale dei casi e l'indice di contagiosità Rt. Attualmente l'incidenza è di 727 casi ogni 100mila abitanti (settimana 22-28 luglio), il dato precedente era di 977. Quindi una diminuzione di duecento contagi ogni 100mila abitanti. L'Rt medio 6-19 luglio, calcolato sui sintomatici è stato di 1.03, in questo caso era di 1.23. Si resta comunque sopra la soglia epidemica. Più o meno stabile il dato dei ricoveri. Stando alle rilevazioni del Ministero della Salute, i posti letto occupati nelle terapie intensive è ancora del 4.1%, lievissimo calo, invece, in area medica dove si passa dal 17.1% al 17%. Attualmente sono soltanto due le regioni con l'incidenza che supera la soglia dei mille casi ogni 100mila abitanti: l'Abruzzo a quota 1.234,3 e le Marche a 1.018,1. E' invece l'Umbria la regione con il dato percentuale più alto per l'occupazione dei posti letto in area medica: 44%, seguono Calabria al 36,1% e Valle D'Aosta al 35%. In relazione alle terapie intensive, invece, la Sardegna registra il 7,8% e tre regioni, Calabria, Lazio e Sicilia, raggiungono tutte il 6,3%. I dati si evincono dal monitoraggio settimanale dell'Istituto superiore della sanità e del Ministero della salute, visionati dall'Agenzia Ansa.