Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scontro tra barche all'Argentario: un morto, un disperso e cinque feriti. La telefonata d'aiuto: "Fate presto, ci sono morti". Il video

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Sarebbe un uomo di Roma, un turista di mezza età, la vittima rimasta incastrata ieri pomeriggio sotto una delle due imbarcazioni che si sono scontrate nelle acque tra Monte Argentario e Isola del Giglio, in provincia di Grosseto. Lo scontro ha coinvolto una imbarcazione a motore, uno yacht, e una barca a vela. Quest’ultima, una volta colpita, ha iniziato ad imbarcare acqua ed è affondata. Tra i feriti, grave, ci sarebbe anche la moglie dell'uomo, mentre sono ancora in corso le ricerche di un ulteriore passeggero che risulta disperso. Cinque in tutto i feriti. Sul posto sono intervenute diverse ambulanze, oltre ai vigili del fuoco, che hanno preso in carico i feriti più lievi e l’elisoccorso Pegaso che ha trasferito in ospedale il ferito più grave.

 

 

La tragedia è accaduta sabato pomeriggio, poco prima delle 17.30, a sei miglia ovest del promontorio di Monte Argentario. La collisione, tanto inaspettata quanto violenta, ha coinvolto un’imbarcazione di oltre una ventina di metri e un’altra lunga una decina. Un incidente che fino a ieri sera non aveva spiegazioni certe. A indagare gli uomini di Luigi Buta, comandante della Guardia Costiera di Porto Santo Stefano. Il loro intervento è stato decisivo per salvare i quattro superstiti. Nel punto della collisione il fondale supera i 40 metri e ci sono spesso forti correnti anche quando il mare è calmo.

 

 

La vittima della collisione, di Roma, si trovava sull’imbarcazione a vela. Il suo corpo è stato trovato incastrato sulla prua del natante, andata quasi completamente distrutta. A dare l’allarme è stata una delle superstiti che con il cellulare ha chiamato il numero di emergenza della capitaneria. La donna era in preda alla disperazione. "Fate presto, ci sono morti, è una tragedia", ha urlato ancora sotto choc all’operatore. C’era anche il pericolo di un’esplosione perché pare che il motoscafo avesse fatto da poco il pieno di carburante.