Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il ministro Speranza: "Al via la quarta dose di vaccino per gli over 60"

  • a
  • a
  • a

Covid, ora è ufficiale: quarta dose di vaccino per gli over 60. E' stato il ministro alla Salute, Roberto Speranza, ad annunciarlo al 12esimo congresso della Uil Pensionati: "L’Ecdc e l’Ema hanno aperto alla somministrazione della quarta dose di vaccino anche alle persone sopra i 60 anni. Già nella giornata di oggi adegueremo le nostre linee guida, circolari e indicazioni a questa determinazione. Apriremo immediatamente sui nostri territori la somministrazione della quarta dose anche alle persone sopra i 60 anni. Guai a pensare che la battaglia contro il Covid sia vinta, è ancora in corso e dobbiamo tenere un livello di attenzione e di prudenza".

Il ministro ha poi lanciato un appello: "Vi chiediamo una mano a far capire che il vaccino è stato il vero elemento di cambiamento in questa fase così difficile. Con lo stesso numero di casi che abbiamo oggi in altri momenti, quando eravamo senza vaccino, eravamo costretti a chiusure drammatiche. Oggi, come vedete, abbiamo tantissimi casi ma le ospedalizzazioni, in percentuale, sono del tutto differenti rispetto a quelle che abbiamo vissuto in passato. Questo perché i vaccini funzionano, sono efficaci, sono sicuri e hanno una grande capacità di prevenire le ospedalizzazioni gravi. Dateci una mano a fare capire quanto sia importante stare in questa sfida".

Il ministro Speranza ha inoltre spiegato che "le norme sulle mascherine rimangono invariate. La nostra richiesta alle persone, in un momento in cui l'incidenza virale è molto alta, è di avere maggiore cautela e attenzione. Restano valide le raccomandazioni di usare la mascherina in tutte le occasioni in cui c'è il rischio di essere contagiati". Intanto l'Agenzia europea del farmaco Ema monitora BA.2.75, la nuova sottovariante Omicron che in India sta mostrando una capacità di crescita rapida: "E' assolutamente una variante che va monitorata, perché sembrerebbe avere il potenziale di potersi diffondere e presenta delle nuove mutazioni, quindi con un potenziale di immunoevasione", spiega all'Adnkronos Salute Marco Cavaleri, responsabile vaccini e prodotti terapeutici Covid 19 dell'Ema.