Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marmolada, i droni cercano i dispersi. Domani forse uomini e cani in azione via terra

  • a
  • a
  • a

Questa mattina, mercoledì 6 luglio, sono riprese le ricerche dei 5 alpinisti ancora dispersi sulla Marmolada, a seguito del distacco del gigantesco seracco di ghiaccio che ha provocato 7 vittime. I droni si sono alzati in volo per tentare di individuare ulteriori reperti tecnici e umani. Le ricerche proseguiranno per l'intera giornata ma sono messe a rischio dalle previsioni meteo che per il pomeriggio ipotizzano un brusco peggioramento soprattutto in quota. "Il ghiaccio si sta sciogliendo e rimane ora in superficie una coltre di terra e sassi. Domani, se le condizioni meteo lo permetteranno, grazie all'intervento degli operatori via terra e con l'eventuale ausilio di cani specializzati si cercheranno dunque nuovi reperti. Al fine di garantire l'incolumità degli operatori sul campo, il personale della Protezione civile del Trentino ha portato nella parte superiore della montagna interferometri e radar doppler, cioè speciali apparecchiature di monitoraggio che misurano i movimenti della parete ghiacciata. La strumentazione lancia un allarme per consentire agli operatori di mettersi al sicuro in caso di pericolo". Lo spiega Mauro Gaddo, direttore dell'Ufficio previsioni e pianificazione della Provincia di Trento.