Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marmolada, c'è il rischio di nuovi crolli. Riprese le ricerche dei tredici scomparsi

  • a
  • a
  • a

Crollo Marmolada, c'è il rischio che non sia finita. "C'è il pericolo che altri seracchi di ghiaccio possano staccarsi. Tutta l'area continua ad essere interdetta". Lo ha comunicato l'unità di crisi allestita a Canazei che coordina le operazioni di ricerca dei 13 dispersi a seguito del collasso del gigantesco seracco di ghiaccio dalla Marmolada che ha provocato 7 vittime accertate e 8 feriti di cui 2 ancora in gravissime condizioni. Secondo quanto si apprende "il monitoraggio dall'alto con droni ed elicotteri andrà avanti negli stessi punti esaminati ieri. In caso di individuazione di reperti si interverrà per i rilievi fotografici ed eventualmente poi per un veloce prelievo".

Intanto questa mattina, martedì 5 luglio, sono riprese alle 8 le ricerche dei tredici dispersi a seguito del crollo. Le operazioni, nonostante le condizioni meteo siano in miglioramento, proseguono dall'alto con droni dotati di termocamere e un elicottero speciale della Guardia di finanza in grado di localizzare i segnali dei cellulari anche se sepolti sotto metri e metri di neve. In ogni caso sono poche le speranze che ci siano persone vive tra i dispersi.

“In queste 36 ore la risposta operativa è stata importante ed ha visto una collaborazione proficua tra forze diverse – ha detto il capo della Protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio - Il sistema nazionale è a disposizione per supportare le attività in questa grande tragedia”. A passo Fedaia è arrivato anche l'elicottero speciale della Guardia di finanza. Attrezzato con il sistema ‘Imsi catcher’ per intercettare, come scritto, i segnali di cellulari accesi. Gli inquirenti stanno ancora accertando la proprietà di 4 delle 16 auto parcheggiate nei pressi dei sentieri che portano al ghiacciaio. Tutte hanno targhe straniere: una tedesca, due ceche e una ungherese. Sotto shock le popolazioni della zona. Nessuno si aspettava una disgrazia del genere. Intanto si alza l'attenzione su tutti i ghiacciai italiani.