Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, obbligo mascherine verso la proroga. Oggi governo e Inail decidono. Brusaferro: "I casi cresceranno ancora"

  • a
  • a
  • a

Le mascherine potrebbero continuare ad essere obbligatorie nei luoghi di lavoro o comunque in parte? Possibile. La nuova ondata di Covid non sembra affatto rallentare, anzi i numeri sono sempre più crescenti e secondo il presidente dell’Istituto superiore di sanitàSilvio Brusaferro, i casi sono destinati ad aumentare nei prossimi giorni: "Siamo ancora in fase pandemica e di questo dobbiamo essere consapevoli. Al momento tutto il sistema di controllo è pienamente operativo, ma la mascherina va indossata nelle situazioni a maggior rischio". Oggi è in programma un incontro tra i ministeri competenti e l'Inail per valutare un aggiornamento del protocollo di sicurezza ani Covid nei luoghi di lavoro.

Si profila una proroga dell'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi di lavoro oltre la scadenza del 30 giugno. La decisione dovrebbe arrivare dalla riunione del Tavolo. Al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali si incontrano i tecnici di questo dicastero, di quello della Salute e dell'Inail per discutere del protocollo di sicurezza in scadenza. L'orientamento sarebbe quello di prorogare il ricorso alla mascherina Ffp2 negli spazi dove non si può garantire il distanziamento o quando il dipendente lavora a contatto con il pubblico. Del resto l'Istituto superiore di Sanità ha ricordato che siamo ancora in fase pandemica e la curva è in salita con l'incidenza che nell'ultimo bollettino settimanale è arrivata a 504 casi per 100mila abitanti con l'Rt a 1,07, quindi di nuovo al di sopra dell'unità. 

La sottovariante BA.5 è la responsabile del rialzo del numero dei nuovi positivi delle ultime settimane, sottolinea l'Oms. Febbre, spossatezza, dolori, mal di gola e raffreddore i sintomi più frequenti. La malattia per nascere impiega in genere 2-3 giorni dal contatto con un soggetto infetto, spiega il virologo Fabrizio Pregliasco. E intanto negli ultimi giorni è aumentata in maniera notevole la richiesta di tampone fai da te nelle farmacie.