Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, ancora 39.474 contagi e 73 morti. Ma diminuiscono i ricoveri e gli attualmente positivi

  • a
  • a
  • a

Aumentano i nuovi contagi Covid, ma diminuiscono i ricoveri e crescono anche le guarigioni. Gli attualmente positivi, dunque, fanno un altro passettino indietro, numericamente parlando, anche se purtroppo si registrano ancora 73 decessi. E' in sintesi quanto emerge dai dati del bollettino Covid di oggi, martedì 14 giugno. Nelle ultime 24 ore, infatti, sono stati 39.474 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia, mentre ieri, lunedì 13 giugno, erano stati 10.371. Va ricordato, però, che i dati del lunedì sono sempre riferiti alla domenica e quindi notevolmente inferiori al resto della settimana sul fronte dei contagi.

Aumentano, infatti, anche i tamponi effettuati: 228.559, contro i 74.636 del precedente bollettino. La percentuale di positivi considerando il totale dei tamponi - quindi molecolari più antigenici rapidi - è al 17,3% (ieri era 13,9%). Come scritto in apertura sono 73 i morti (compreso qualche riconteggio). Ma sul fronte dei ricoveri in terapia intensiva, i posti letto occupati sono dieci in meno. I nuovi casi sono sparsi in tutte le regioni: in testa la Lombardia con 6.204, poi il Lazio con 4.939. Sul fronte dei ricoveri - dato cruciale in questo momento per comprendere l'andamento della pandemia - i pazienti Covid in terapia intensiva sono in totale 183, con 24 nuovi ingressi, mentre nei reparti ordinari sono 4.199 (-11). Numeri confortanti. 

Dall'inizio della pandemia hanno contratto il virus 17.703.887 di persone. Hanno superato il contagio 16.932.500: + 52.817. Gli attualmente positivi sono 603.882, quindi 13.046 in meno del precedente bollettino. I nuovi 73 decessi portano il totale a 167.505. Il Covid, dunque, non è affatto soltanto un brutto ricordo. Il virus continua a circolare e le raccomandazioni sono sempre le stesse. Cercare di evitare i luoghi affollati, soprattutto al chiuso e nel caso utilizzare le mascherine. La raccomandazione più importante è quella di procedere alla terza dose, ovviamente per chi non l'ha fatta.