Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, nelle terapie intensive No vax e pazienti che hanno rinunciato alla terza dose. Ecco i dati

  • a
  • a
  • a

I ricoverati nelle terapie intensive a causa del Covid sono soprattutto No vax oppure cittadini che nonostante altre patologie hanno rifiutato la terza dose del vaccino. Emerge dal report degli ospedali sentinella della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere. Ad oggi il 40% dei ricoverati nelle terapie intensive è No vax, una percentuale elevatissima considerato che i non vaccinati nel Paese sono molti meno di coloro che hanno aderito alla campagna vaccinale. Ma c'è ancora di più: gli altri ricoverati in rianimazione sono per lo più pazienti vaccinati che hanno ricevuto la seconda dose da oltre quattro mesi, ma non hanno fatto la terza, pur se affetti da altre patologie. Complessivamente il calo dei ricoveri nelle terapie intensive è del 24.2%. E' la quinta settimana che diminuisce il numero dei letti occupati sia nelle aree Covid che nei reparti di emergenza. In totale il calo è del 16.3% e nei reparti ordinari si attesta sul 15.9%. Ovviamente la speranza è che la curva continui a diminuire anche nelle prossime rilevazioni della Fiaso