Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaiolo delle scimmie, "quarantena di 21 giorni per i contatti stretti". C'è l'ok di Pregliasco

  • a
  • a
  • a

Vaiolo delle scimmie, si dibatte sulla quarantena adesso che i casi aumentano. Non c'è allarme, ma serve prudenza e sul tema si è espresso anche il noto virologo Fabrizio Pregliasco: "Sì a una quarantena di 21 giorni per i contatti stretti di persone infettate dal virus del vaiolo delle scimmie". afferma in maniera netta. Crede sia giusto prevederla insomma, il virologo Fabrizio Pregliasco, docente all’università Statale di Milano.

 

 

"A mio avviso quando una persona viene informata di essere un contatto stretto, quindi a rischio di diventare un caso secondario, dovrebbe già autoresponsabilizzarsi e comportarsi di conseguenza. Ma quando l'incendiò è piccolo, e in questa fase ancora sembra esserlo, ritengo giusto essere il più protettivi possibile e quindi immaginare una disposizione di quarantena anche per i contatti stretti, oltre naturalmente all’isolamento dei pazienti già contagiati", ha spiegato all'agenzia Adnkronos. ."Oltretutto - ricorda il direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi - in Italia non è che la quarantena si fa come in Cina, ’murando vive' le persone in casa". Secondo Pregliasco, la misura dovrebbe essere "iduciaria. Magari basterebbero telefonate di verifica".

 

 

Sulla stessa linea è Matteo Bassetti. Sulla questione della quarantena per i contatti dei casi di vaiolo delle scimmie "non si tratta di uno strumento da Medioevo", come affermato dal direttore dello Spallanzani Francesco Vaia, "ma di fare quello che abbiamo sempre fatto noi infettivologi ed esperti di sanità pubblica: se c’è un’infezione ci si deve isolare e i contatti stretti devono fare una quarantena. Questo si fa per ogni malattie infettiva trasmissibile attraverso il contatto. E credo che sia giusto farlo anche con il vaiolo delle scimmie. Sarà anche stata introdotta nel Medioevo, ma la quarantena è oggi ancora utile", dice all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, sulla necessità di imporre la quarantena ai contatti dei casi di vaiolo delle scimmie.