Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meteo, "week end a 35 gradi". Il record del maggio rovente 2003 verrà battuto

  • a
  • a
  • a

Caldo. Anzi caldissimo. Succede nel prossimo week end di maggio quello di sabato 21 e domenica 22. Secondo gli esperti le temperature di sabato a Torino, Milano, Bologna, Ferrara, Palermo e Cagliari potrebbero nettamente superare quelle da record del maggio 2003 che precedettero una estate celebre per i picchi di caldo.

"In pratica avremo un anticipo d’estate come quello di 19 anni fa", sostiene Lorenzo Tedici meteorologo del sito IlMeteo. Nel 2003 il maggio rovente sul Nord Italia e in Francia favorì, in seguito, la persistenza di valori termici elevati" aggiunge.

 

 

Si prevedono per il weekend condizioni di disagio elevate in Pianura Padana, soprattutto lungo l’asta del fiume Po con "condizioni bio-meteorologiche non adatte per anziani e bambini piccoli nelle ore centrali della giornata, durante la notte per fortuna le temperature si manterranno invece ancora relativamente fresche. Nel dettaglio, dal punto di vista meteo sono attesi dei temporali in montagna nelle ore più calde della giornata, per il resto il tempo sarà soleggiato, caldo come in estate e con poca ventilazione: unica eccezione, per quanto riguarda il vento, un paio di giorni ventosi sulla Puglia e il versante ionico. Prepariamoci dunque all’assalto dell’anticiclone Hannibal che, durante il weekend, riporterà condizioni calde come e forse più del 2003. Il nostro consiglio ovviamente è di andare al mare dove la brezza in questo periodo dell’anno è molto fresca e attiva, per chi deve restare in città meglio evitare ovviamente le ore più calde".

 

 

Sono attesi anche 25-27 gradi a 1500 metri in montagna, Al momento la fase calda è prevista fino al 23 maggio. Nel lontano maggio del 1953, dopo una precoce fase torrida, gli esperti ricordano che arrivò una tempesta violentissima: in quell’occasione, il 23 del mese, un tornado spezzò la guglia della Mole Antonelliana a Torino. Con il cambiamento climatico gli eventi estremi hanno raddoppiato e localmente triplicato la frequenza negli ultimi 20 anni.