Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sparatoria a Pescara per gli arrosticini, la fuga in taxi del ragazzo accusato di tentato omicidio: come è stato catturato

  • a
  • a
  • a

Stava fuggendo in taxi il 29enne fortemente sospettato di aver sparato a un giovane cuoco, di origine dominicana, nel ristobar Casa Rusti in cui lavora, probabilmente per la lunga attesa del servizio (aveva chiesto una seconda porzione di arrosticini che pare tardasse ad arrivare). A fermare il giovane, di origine abruzzese ma per diverso tempo vissuto all’estero, è stata la Squadra mobile di Pescara, nella tarda serata di ieri. Il ragazzo è accusato di tentato omicidio.

 

 

Dopo l’aggressione, a bordo di un taxi il ragazzo stava per raggiungere l’autostrada Adriatica, in direzione Nord. Gli investigatori hanno rintracciato telefonicamente il tassista che lo accompagnava mantenendo così il contatto con l’uomo e senza esporre nessuno a rischi. Attraverso le attività di ricerca, coordinate dalla questura di Pescara con la collaborazione delle questure di Fermo, Ancona e Pesaro e dei Compartimenti di polizia stradale di Abruzzo e Marche, il 29enne è stato bloccato nell’area di servizio Metauro, in provincia di Pesaro e Urbino. In seguito alla perquisizione è stata recuperata una pistola semiautomatica che sarà sottoposta a perizia balistica per valutare se compatibile con quella utilizzata per sparare al cuoco 23enne nel ristobar sotto i portici di piazza Salotto. L’arrestato è trattenuto negli uffici della polizia stradale. Il procuratore della Repubblica, Giuseppe Bellelli, e il sostituto procuratore, Fabiana Rapino, valuteranno le fonti di prova raccolte dagli uomini del questore Luigi Liguori, per verificare l’effettivo coinvolgimento dell’arrestato nei fatti di ieri al locale del centro di Pescara. Il 29enne è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per il tentato omicidio del cuoco e per la detenzione dell’arma.

 

 

È stato invece operato due volte per l’estrazione dei proiettili il giovane cuoco che ieri è stato raggiunto da diversi colpi di pistola mentre era al lavoro. La vittima, che versa in gravi condizioni, è stata sottoposta a doppio intervento chirurgico, al torace e alla schiena, ed è ricoverata in prognosi riservata nella Rianimazione dell’ospedale di Pescara.