Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mafia, Cosa Nostra in crisi: manca il capo. Ma stringe i rapporti con i nigeriani

  • a
  • a
  • a

La mafia è alla ricerca di un nuovo capo. "La crisi di leadership che attanaglia già da qualche tempo i vertici regionali e provinciali di Cosa Nostra sembra non potersi risolvere a causa dei continui contraccolpi subiti dalla persistente azione di contrasto giudiziario degli ultimi anni che si conferma, con la medesima intensità in tutta l’isola, anche nel semestre di riferimento". È quanto si legge nella relazione semestrale della Dia al 1° semestre 2021 in cui si sottolinea come "l’attacco costante al patrimonio mafioso con numerose misure ablatorie e l’incessante attività interdittiva dei prefetti nelle varie province rendono gli sforzi di riorganizzazione della mafia del tutto insufficienti, fiaccando la sua naturale attitudine alla resilienza dimostrata nel tempo".

"In seno a Cosa Nostra - scrive ancora la Dia - l’assenza di operatività della struttura di vertice sta determinando all’interno di province e mandamenti la tendenza a ricorrere a un modello di gestione di tipo orizzontale sia di strategie generali che di risoluzione di problematiche emergenti. Gli organi collegiali di governo di cosa nostra sembrano accusare i contraccolpi di un’azione giudiziaria che negli anni non ha dato tregua a famiglie e mandamenti mafiosi". Insomma la "macchina" della mafia sarebbe stata costretta a rallentare proprio a causa della mancanza dei vertici.

Ma questo aspetto non ferma certo l'azione di Cosa Nostra. La mafia siciliana, spiega sempre la Dia, non conta solo su "alleanze in singoli settori criminali tra famiglie di cosa nostra e clan mafiosi autoctoni non appartenenti a cosa nostra e storicamente in contrasto con quest’ultima" ma si allarga a nuovi "rapporti con le mafie nigeriane soprattutto nella città di Palermo i cui contorni sono sempre più mutevoli e in continua evoluzione". I sodalizi centrafricani, sostiene ancora la Dia, sembrano aver acquisito un vantaggio competitivo in particolare nel settore del traffico di stupefacenti.