Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Uccide i figli di 13 e 7 anni poi si toglie la vita

  • a
  • a
  • a

Ha ucciso i figli di 7 e 13 anni, poi si è tolto la vita. Ancora un dramma familiare, questa volta nel territorio comunale di Mesenzana, in provincia di Varese. Le vittime dell'omicidio sono una adolescente e un bimbo. Il dramma si è consumato nell'abitazione del padre. Secondo le prime indagini l'uomo e la moglie si stavano separando e vivevano in luoghi diversi. Nella giornata di ieri, mercoledì 23 marzo, i ragazzi avevano trascorso il tempo con il babbo. Quando questa mattina, giovedì 24 marzo, la mamma è andata a riprenderli, ha fatto la tragica scoperta. Le indagini sono coperte dal più stretto riserbo. Secondo le notizie che filtrano, sui corpi sarebbero state rinvenute ferite di arma da taglio. I due giovanissimi frequentavano le scuole di Mesenzana, poco più di 1.500 abitanti. La 13enne era in terza media, il piccolo in seconda elementare. Dopo la giornata trascorsa con il padre, la madre doveva accompagnarli proprio a scuola. 

L'allarme è scattato immediatamente e sul posto sono subito arrivati i carabinieri e i sanitari. Purtroppo per padre e figli ormai non c'era niente da fare e i medici hanno solo potuto constatare la morte. I militari hanno immediatamente avviato le indagini, ma lo scenario è apparso subito chiaro, così come la ricostruzione di quanto accaduto. Sul luogo dell'omicidio suicidio anche Alberto Rossi, sindaco di Mesenzana. Ovviamente fortemente colpito il piccolo paesino del Varesotto. Il dramma ha suscitato profondo dolore da parte di tutta la cittadinanza. (Video dal sito di VareseNews).