Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Crotone, profuga ucraina di appena cinque anni investita e uccisa da un'auto

  • a
  • a
  • a

Una bimba ucraina di appena cinque anni è stata investita ed è morta a Crotone. Era una dei tanti profughi giunti negli ultimi giorni nel nostro Paese. La piccola camminava a bordo strada con altre persone quando il gruppo è stato travolto da una vettura sulla strada statale 106. La piccola è deceduta, mentre un suo connazionale è rimasto ferito. "Li avevamo accolti pochi giorni fa questi primi fratelli dell'Ucraina, oggi piangere la morte di una piccolina è devastante per tutti". Con queste parole il sindaco Vincenzo Voce ha commentato l'incidente. Sono tutti profughi scampati alla guerra che si sta consumando in Ucraina dopo l'invasione della Russia da parte dell'esercito di Putin

"Il dolore accomuna tutta la comunità crotonese - ha detto ancora il primo cittadino di Crotone - e proclamiamo il lutto per il giorno dei funerali, continuando ad accogliere quanti arriveranno nella nostra città". Sono in corso gli accertamenti medici sull'investitore, un uomo di 45 anni. I bimbi, direttamente o indirettamente, continuano a essere le prime vittime della folle aggressione all'Ucraina da parte dell'esercito del dittatore Vladimir Putin. Secondo le notizie diffuse dal procuratore generale dell'Ucraina, dall'inizio dei combattimenti sono almeno 115 i bambini che hanno perso la vita e 148 quelli che sono rimasti feriti, alcuni in maniera grave. 

Ai bimbi che hanno perso la vita, vanno aggiunti quelli che non potranno crescere con i loro genitori, perché morti in battaglia o durante i bombardamenti. In questo caso occorre tener presenti anche tanti bimbi russi che non avranno più il loro papà, perché caduto nei combattimenti in Ucraina. C'è poi il problema dei piccoli che erano già orfani e a cui va trovata una sistemazione, quasi sempre fuori dal loro paese di origine. Il rischio, è stato ribadito più volte, è che questa guerra causi anche un traffico delle donne e dei minori.