Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, i contagi aumentano: altri 53.825 casi. Diminuiscono ricoveri e morti

  • a
  • a
  • a

Ancora un aumento di positivi al Covid stando al bollettino di oggi, sabato 12 marzo, diffuso dal ministero della Salute. I nuovi contagi sono 53.825, più di quelli che erano stati ufficializzati nella precedente analisi (quella di venerdì 11 marzo), quando erano stati 53.127. Sette giorni fa, invece, sabato scorso, il ministero della Salute aveva dichiarato 39.963 nuovi positivi. I tamponi processati sono stati 417.777, quindi meno del bollettino precedente, quando invece erano ne erano stati presi in considerazione 425.638. Il tasso di positività, dunque, sale dal 12.5% al 12.9% Ennesimo segnale preoccupante. Per fortuna continuano a diminuire i decessi e i ricoveri.

Le nuove vittime del Covid sono 133, 23 in meno del precedente bollettino. Dall'inizio della pandemia i pazienti che non ce l'hanno fatta sono stati 156.782. I ricoverati in terapia intensiva sono 14 in meno (ieri i letti liberati erano stati 18), ma si registrano 40 nuovi ingressi nei reparti di rianimazione (ieri 35). Complessivamente i posti occupati da pazienti Covid sono 513. I ricoveri ordinari diminuiscono di 40 (ieri erano stati 140 in meno) e il totale è di 8.234. Le guarigioni certificate sono 45.393 e portano il numero complessivo a 12.180.724.

Gli attualmente positivi aumentano di 9.143 e portano il totale a 985.622. Dall'inizio della pandemia gli infettati sono 13.323.128. Dunque un leggero aumento dei casi, come del resto sta avvenendo da qualche giorno. L'ultimo rapporto della Fondazione Gimbe ha sottolineato come la passata settimana, dopo cinque che avevano fatto registrare una flessione della curva, ha accusato un'inversione di tendenza e purtroppo il virus sembra aver ripreso a diffondersi con una intensità maggiore. Le prossime settimane sono considerate fondamentali se si tratta di un colpo di coda del Covid oppure se rischiamo una nuova ondata che dal punto di vista cronologico sarebbe la terza, in un momento reso ancora più complesso dalla guerra.