Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, focolaio al carcere di Taranto: positivi novanta detenuti e quaranta agenti. Il Sappe chiede aiuto

  • a
  • a
  • a

"Taranto ancora una volta maglia nera con 90 detenuti positivi al Covid, ma cosa ancora più grave con 40 agenti infettati che vanno a ridurre ulteriormente il già asfittico organico di poliziotti". Lo dice, in una nota, il segretario nazionale del Sindacato autonomo di polizia penitenziaria, Federico Pilagatti, con riferimento al report dei positivi al Covid 19 del 17 febbraio scorso. Nella stessa nota, Pilagatti fa sapere che la manifestazione di protesta in programma per oggi davanti al carcere di Taranto è stata "sospesa, in attesa dell'incontro a Roma presso la sede del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria" a cui prenderanno parte il segretario generale del Sappe, Donato Capece e una delegazione di poliziotti tarantini.

 Il Sappe, nei giorni scorsi, aveva chiesto un "intervento urgente dell'amministrazione penitenziaria" nel carcere del capoluogo ionico, "sottoposto a una dura prova anche dal punto di vista giudiziario, con l'inchiesta che ha portato alla scoperta di un giro di droga e telefonini introdotti all'interno". Inchiesta in cui è coinvolto un agente della penitenziaria, accusato di corruzione. Capece oggi sarà a Taranto per visitare il penitenziario, verificare la situazione e raccogliere le istanze dei poliziotti, "a partire dal grave sovraffollamento di 700 detenuti, a fronte di 350 posti".

Una situazione grave, evidenziata in passato già diverse volte. Il focolaio Covid ha causato ulteriori problemi, non solo per dover assistere con maggiore attenzione tutti i detenuti positivi, ma perché l'organico degli agenti a disposizione della direzione è diminuito in maniera notevole. Il Sappe chiede che la sua domanda di aiuto venga presa in considerazione e che si corra presto ai ripari per cercare di rendere la situazione meno complessa. Intanto si spera che detenuti e agenti inizino a tornare negativi, superando senza alcun tipo di conseguenza il contagio da Covid che ha letteralmente travolto tutta la struttura detentiva di Taranto