Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, in Italia altri 42.081 casi e 141 morti. Il bollettino di oggi domenica 20 febbraio

  • a
  • a
  • a

Il bollettino di oggi, domenica 20 febbraio. Sono 42.081 i nuovi casi di Covid 19 ufficializzati in Italia. Nella precedente statistica, sabato 19 febbraio, erano stati 50.534. I tamponi presi in considerazione sono 372.776 (184.146.508 da inizio emergenza) e il tasso di positività sale leggermente e torna all'11.3%. Il ministero della Salute, inoltre, ufficializza altri 141 morti (252 le vittime nel bollettino di sabato 19 febbraio), che portano il totale da inizio pandemia a 152.989. Il numero complessivo dei casi di Covid 19 sale a 12.469.975. Attualmente i positivi sono 1.348.347 (-21.431), 1.334.129, invece, le persone in isolamento domiciliare. I guariti o dimessi aumentano di 63.492 unità e raggiungono quota 10.968.639.

Buone notizie arrivano anche dal fronte ospedaliero. Per il tredicesimo giorno consecutivo diminuiscono i ricoveri. I posti letto occupati nei reparti Covid ordinari sono 103 in meno (ieri -561), per un totale di 13.284 degenti. In terapia intensiva, invece, 19 letti liberati (ieri -34), il totale dei malati gravi scende a 934. I nuovi ingressi in rianimazione sono stati 52.

Ancora una volta, dunque, la tendenza della curva dei conta da Covid 19 si conferma in discesa. Nel bollettino di domenica scorsa, 13 febbraio, i casi registrati erano stati 51.959 con un tasso dell’11,2%. Le infezioni continuano a diminuire anche se l'impressione è che la discesa ora proceda a un ritmo più lento. Come sempre occorrerà tempo per comprendere meglio la situazione e tracciare un bilancio ancora più attendibile. Senza dubbio ottimista Roberto Speranza, ministro della Salute: "Due anni fa - dichiara - fummo costretti a compiere scelte difficili, oggi il 91% della popolazione sopra i 12 anni si è vaccinata e questo ci mette nelle condizioni di gestire in maniera del tutto diversa la pandemia". Da domani, lunedì 21 febbraio, tornano in giallo: Abruzzo, Marche, Piemonte e Valle d'Aosta