Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, diminuiscono ancora incidenza e Rt. Meno pazienti nelle terapie intensive

  • a
  • a
  • a

Ancora dati che fanno sperare che l'Italia abbia ormai definitivamente superato il picco della quarta ondata di Covid e che i contagi siano in netta diminuzione. Le indicazioni arrivano dal monitoraggio del ministero della Salute e dell'Istituto superiore della sanità che compara i dati a quelli della settimana precedente. L'incidenza nazionale attualmente è di 1.362 contagi ogni 100.000 abitanti (dato dal 28-1 al 3-2) contro i 1.823 della precedente rilevazione (dal 21-1 al 27-1). L'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è pari allo 0.93, in diminuzione rispetto alla settimana precedente quando aveva fatto segnare lo 0.97, ma soprattutto al di sotto della soglia epidemica. 

 

 

Scende anche il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e nei reparti di area non critica. Nelle intensive il dato nazionale è sotto al 15%, per la precisione al 14,8%, oltre due punti in meno rispetto alla rilevazione del 27 gennaio, quando la percentuale era del 16.7%. E nelle aree mediche il tasso di occupazione va sotto la soglia psicologica del 30%: è al 29.5%, contro il 30.4% della settimana precedente. Va però segnalato che anche questa settimana diverse Regioni e Province autonome hanno evidenziato problemi nell'inserimento dei dati nel flusso per le valutazioni della cabina di regia.

 

 

Cala anche il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione: 553.860 contro 652.401 della settimana precedente. La percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è in leggera diminuzione: 17% contro 18%. Stabile invece la percentuale dei casi che sono stati rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (38% contro 38%) e la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (45% contro 45%). Stando ai dati del monitoraggio la curva sembra finalmente in effettiva flessione. Ovviamente la situazione è diversa da territorio a territorio, ma nel complesso viene considerata in evoluzione positiva.