Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, ecco la sotto variante Omicron 2. Migliaia di casi in Danimarca. E' difficile da scoprire

  • a
  • a
  • a

Adesso spunta anche la sotto variante della Omicron. E' stata chiamata Omicron 2 e per il momento identificata in quaranta paesi. Sembra che in Europa si stia già diffondendo soprattutto in Danimarca. Oltre alla elevata contagiosità a cui purtroppo ci ha abituato Omicron, quello che preoccupa di più gli esperti è che sia "non rilevabile". L'impossibilità di individuarla sarebbe dovuta, secondo il quotidiano La Dépêche, alla differenza che comporta rispetto alla Omicron standard. "La sotto variante BA.2 - spiega Carlo Federico Perno, direttore di microbiologia dell'Ospedale Bambin Gesù di Roma - è stata osservata già qualche settimana dopo l'emersione del ceppo base Omicron. In Italia questa sotto variante della variante Omicron di Sars-CoV- 2 c'è già".

Per fortuna al momento la nuova mutazione è ancora minoritaria, purtroppo però gli esperti non possono escludere un cambio di passo. La pensa come Perno anche Massimo Galli. Il professore ordinario di Malattie infettive all'Università Statale di Milano ha ammesso che "non sappiamo molto. E comunque non possiamo ignorarla, deve essere osservata". Una cosa è certa: la sotto variante Omicron 2 sembra essere la massima espressione di un virus che cambia continuamente e che quindi rende più complesso cercare di limitarne la diffusione.

Nel giro di un solo anno sono emerse ben tre varianti che sono state capaci di sostituirsi una con l'altra, grazie alla notevole diffusibilità. Prima quella inglese detta Alfa, poi l'indiana Delta e in questa fase Omicron, che si è propagata a macchia d'olio nel giro di pochi mesi. La vaccinazione è e resta l'unica vera arma contro il virus, ma i paesi più poveri sono nettamente indietro e fino a quando la campagna non sarà estesa a livello mondiale, il rischio di nuove varianti sarà sempre difficile da scongiurare. Secondo quanto scrive Liberation, al momento la variante Omicron 2 è stata rilevata in circa 7mila sequenziamenti. In Danimarca ne sono state conteggiati 5.469.