Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Bassetti: "Chi non si vaccina è un cattivo cittadino". Ma i no vax attaccano: "Governo nazista"

  • a
  • a
  • a

"Oggi non vaccinarsi vuol dire essere dei cattivi cittadini". Non usa giri di parole Matteo Bassetti, direttore del Reparto Malattie Infettive del San Martino di Genova. "Abbiamo avuto 10miliardi di dosi somministrate nel mondo - spiega - non si può più dire che questo è un vaccino sperimentale. Non approfittare di un'opportunità come quella della vaccinazione, tra l'altro offerta dal nostro Paese gratuitamente, è veramente una perdita di chance". "Le cure non sono sostitutive del vaccino - continua Bassetti - servono, sono utili, ma vacciniamoci perché è lo strumento migliore per proteggere noi e la comunità in cui viviamo perché alla fine se gli ospedali non vanno in tilt ne beneficiamo tutti. Chi non si vaccina oggi non si rende conto del male che sta facendo a un altro cittadino che ha un problema di salute diverso" e che magari non può curare per mancanza di posti letto in ospedale. 

L'ennesimo appello al partito trasversale dei no vax che con il trascorrere del tempo si sta assottigliando sempre di più. Ormai è un vero e proprio coro quello che arriva da tutti gli esperti epidemiologi, ma anche dai politici, dal mondo dello spettacolo, da quello della scuola: l'unica strada per cercare di arginare la diffusione del virus e sperare di tornare più velocemente a una vita vicina alla normalità, è quella di aderire alla campagna vaccinale. Ed è anche l'unico modo per tutelare noi stessi e gli altri cittadini, in particolare i più deboli.

Negli ultimi giorni sono aumentati in maniera sensibile i cittadini che si sono lasciati somministrare la prima dose di vaccino, anche per l'obbligo agli over 50 imposto dal governo. Resta l'ala estremista dei no vax, composta da persone come quelle che sul vialone centrale del policlinico Sant'Orsola di Bologna, nella notte hanno attaccato adesivi con i nomi di persone decedute. Secondo gli attivisti a ucciderli sarebbe stato il vaccino, come è stato scritto su un muro: "I vaccini uccidono, Governo nazista".