Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scuola e Covid, la metà delle classi in Dad. Giannelli: "Le Asl ci usano come parasanitari"

  • a
  • a
  • a

La Daddidattica a distanza riguarderebbe il 50 per cento delle classi, la metà, una su due. Lo sostiene ai microfoni di Radio 24, Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale dei presidi. Giannelli spiega che "la nostra stima è che ci sia il 50% delle classi in Dad, ora aspettiamo i dati ufficiali. Non abbiamo dei dati nostri, ma stiamo pensando di organizzare un sistema di rilevazione ed essendo tanti saremmo anche attendibili". Il presidente dei presidi italiani, per l'ennesima volta, chiede che le regole per la gestione dell'impatto del Covid sul sistema scolastico vadano modificate. E lo fa senza mezzi termini.

"Le regole vanno cambiate, il sistema è complicato e farraginoso, le Asl non riescono a gestire la situazione. Ho letto moduli delle aziende sanitarie in cui si demanda al dirigente scolastico di disporre quarantene e isolamenti. Ci stanno usando come se fossimo dei parasanitari, come se dicessero: decidi tu cosa fare. I presidi - aggiunge ancora - si stanno occupando solo della gestione sanitaria e non del resto, non di quello che riguarda la scuola".

"La ripresa delle lezioni c'è stata - dice ancora il presidente dell'Associazione nazionale dei presidi - e il sistema sta tenendo, ma è una impresa difficile che stanno gestendo i presidi, i collaboratori e tutto il personale scolastico". Un accorato appello, una richiesta d'aiuto che fa eco con quelle che erano arrivate da centinaia di presidi poco prima della fine delle vacanze di Natale. Avevano chiesto di posticipare il rientro in classe per cercare di accelerare la vaccinazione, ricorrendo alla didattica a distanza. Una richiesta che non è stata presa in considerazione dal governo guidato da Mario Draghi. Il ministro dell'istruzione, Patrizio Bianchi, ha spinto per il rispetto del calendario scolastico e il rientro in classe è avvenuto secondo i programmi, a parte qualche rara eccezione. Ma stando alle stime di Giannelli, sembra che la metà delle classi sia a casa e stia utilizzando la didattica a distanza.