Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Assalto alla sede Cgil di Roma, nuovi arresti

  • a
  • a
  • a

Dalle prime ore di oggi, venerdì 14 gennaio, sono in corso da parte della Digos della Questura di Roma, l'esecuzione di misure cautelari nei confronti di soggetti che si ritiene abbiano preso parte attiva nell'assalto della sede nazionale della Cgil, avvenuto lo scorso 9 ottobre. Gli arresti sono eseguiti dalla Polizia. Le misure cautelari sono state emesse dal Gip a seguito della richiesta della Procura della Repubblica. Stando alle prime indiscrezioni che filtrano sull'operazione, ci sarebbero altri cinque indagati, di cui quattro arrestati. Tutti appartenenti a movimenti di estrema destra. Le accuse sono devastazione e saccheggio.

Tra i destinatari dei provvedimenti c'è anche il vertice della sezione di Catania di Forza Nuova. I cinque soggetti coinvolti nelle indagini, sono stati identificati dopo una nuova analisi dei filmati delle telecamere di sicurezza, oltre che di quelle dei video realizzati con i telefoni cellulari da diversi testimoni. Le indagini su chi ha istigato i facinorosi che assaltarono la sede del sindacato sono già terminante, ma il fascicolo sui partecipanti alla rivolta continua ad allargarsi. 

I fatti erano accaduti a margine della manifestazione di protesta contro l'istituzione del green pass. Secondo le ipotesi della Procura di Roma, quel giorno Luigi Aronica (ex Nar), Giuliano Castellino (leader romano di Forza Nuova), Roberto Fiore e altri esponenti della destra estremista, quel giorno cercarono di dare dimostrazione dei una strategia eversiva. Del caso, tra l'altro, si sta occupando anche la procura di Bari che lavora a una indagine più ampia. I manifestanti avrebbero voluto assaltare i palazzi delle istituzioni e invece finirono per accanirsi contro la sede del più grande sindacato del Paese, incuranti che venivano filmati. I leader della violenta protesta ora devono pensare a come difendersi davanti ai giudici. Il processo, infatti, inizierà tra qualche settimana. La prima udienza è stata fissata per il 2 marzo