Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

No vax, Palazzo Chigi: "Multe fino a 3mila euro". Ma il problema resta. E a messa si va senza green pass

  • a
  • a
  • a

Le sanzioni per i no vax che hanno oltre 50 anni possono arrivare anche a 3mila euro. La multa una tantum di 100 euro non è l'unica prevista per i non vaccinati. A farlo notare sono fonti di Palazzo Chigi che sottolineano che per i lavoratori ultracinquantenni che non hanno il super green pass c'è la sospensione dal lavoro senza stipendio e una multa da 600 a 1.500 euro nel caso di accesso ai luoghi di lavoro violando gli obblighi. La sanzione raddoppia se la violazione viene reiterata.

Palazzo Chigi sottolinea che valgono anche le sanzioni da 400 a 1.000 euro già previste per tutti i cittadini a prescindere dall'età. In caso di violazione dell'obbligo di green pass o super green pass per l'accesso a servizi, attività e mezzi di trasporto. Precisazioni che però non rappresentano risposte ai dubbi sollevati per tutta la giornata di oggi, venerdì 7 gennaio, sul fatto che chi non ha più di 50 anni e non si vaccina, al momento è sanzionabile soltanto con 100 euro se non si reca sul posto di lavoro. Per essere reso più efficace, l'obbligo di vaccinazione doveva essere sostenuto da una sanzione molto più pesante. 

E per andare a messa? A dare una risposta è stato il direttore dell'ufficio comunicazioni della Cei, Vincenzo Corrado, secondo cui "le norme stabilite dal Protocollo tra la Cei e il governo consentono di fronteggiare l’attuale situazione pandemica. Senza necessità di introdurre il green pass anche a messa". "Partirei da alcuni dati che possono aiutare nel ragionamento - sostiene - tenendo sempre conto del rischio effettivo e quindi di possibili differenziazioni territoriali: in Italia ci sono circa 25mila parrocchie; le diocesi sono 227. Più che soffermarsi sui problemi e sulle difficoltà, conviene porre l’attenzione su un dato di fatto: il Protocollo del 7 maggio 2020 ha permesso ai fedeli di riconoscere le chiese come luogo di culto in cui fedeli e pastori possono ritrovarsi per le celebrazioni liturgiche con ordine, serenità, raccoglimento nella preghiera".