Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bimbo di due anni muore annegato in mare. I testimoni: "Lo ha gettato in acqua la mamma. Lei salvata dal suicidio"

  • a
  • a
  • a

Un bimbo di due anni è morto annegato a Torre del Greco, in provincia di Napoli. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri, coordinati dal magistrato di turno della procura della Repubblica, per chiarire l’esatta dinamica dei fatti. La tragedia è avvenuta nella tarda serata di domenica 2 gennaio: il piccolo era in compagnia della madre, quando per ragioni ancora tutte da chiarire sarebbe finito in mare. Inutile i soccorsi di alcuni passanti, il corpicino del piccolo è stato riportato a riva già privo di vita. Secondo quanto riporta Il Mattino, stando al racconto di alcuni testimoni, la donna avrebbe cercato di suicidarsi con il piccolo, lo avrebbe lanciato in acqua per poi cercare di buttarsi lei, ma sarebbe stata fermata appena in tempo.

La mamma, dunque, voleva togliersi la vita insieme al suo bimbo. La donna sarebbe stata già ascoltata dagli uomini delle forze dell'ordine che si stanno occupando del caso. Se la versione sarà confermata, si tratterebbe della seconda tragedia familiare nel giro di poche ore, dopo quella avvenuta in provincia di Varese. In quel caso è stato un uomo a uccidere il figlio di appena sette anni. Dopo averlo colpito a morte, ha nascosto il corpicino in un armadio.

Poco dopo ha cercato di ammazzare anche la sua ex moglie. L'ha colpita con un coltello, ma la donna è riuscita a scappare e a dare l'allarme. Sono scattate le ricerche da parte dei militari dell'Arma dei Carabinieri che dopo poche ore hanno individuato l'auto dell'uomo che stava cercando di fuggire in Svizzera. Dopo essere stati speronati, i carabinieri lo hanno inseguito a piedi nei boschi e sono riusciti ad arrestarlo. Davide Paitoni, questo il suo nome, era agli arresti domiciliari. Aveva avvertito il padre con un messaggio vocale, dicendogli di non aprire l'armadio che aveva fatto male al piccolo.  (Foto di archivio)