Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il prete no vax contestato dai fedeli: se ne vanno dalla chiesa durante la predica. Chi è don Tarcisio Colombo

  • a
  • a
  • a

I fedeli hanno reagito alla predica no vax del parroco e se ne sono andati dalla chiesa. Almeno una ventina delle persone presenti sono uscite durante la messa. E' accaduto il 31 dicembre a Casorate Primo, in provincia di Pavia, arcidiocesi di Milano. Il sacerdote no vax è don Tarcisio Colombo, che ha criticato i vaccini e la linea del governo guidato da Mario Draghi per contrastare la pandemia. "Se in questa fase storica si dice qualcosa di diverso sulla pandemia rispetto al sentire comune si viene additati come no vax", ha detto. E ancora: "Non viene accettato un pensiero diverso. Se sono vaccinato? A questa domanda rispondo solo ai medici, sulle questioni personali di salute non c’è bisogno di dare risposte a persone che non siano dottori".

Don Colombo, ha spesso tenuto posizioni controcorrente. Come ad esempio quando ha indicato Greta Thunberg come "modello pericoloso per i giovani", riprendendo le parole di una rivista e ribadendole in alcune omelie. Sono diversi i fedeli indignati che hanno segnalato la sua predica alla Diocesi di Milano che ovviamente ha una posizione opposta a quella di don Colombo, netta e molto chiara, espressa in diverse circostanze: è a favore dei vaccini, del green pass e della politica del governo per contrastare il Covid. E la stessa Diocesi l'ha ribadito ancora una volta dopo le polemiche per l'omelia no vax

Il vicario di zona, monsignor Michele Elli, è in contatto con il prete, spiega sempre la Diocesi, per capire se si tratti solo di un fraintendimento. La Diocesi ricorda che dall'inizio della campagna vaccinale molte parrocchie hanno messo a disposizione locali per procedere alle somministrazioni e alcune sono diventate veri e propri hub. L’arcivescovo di Milano, Mario Delpini, ha visitato questi luoghi e diversi altri centri vaccinali per incoraggiare i volontari e i medici per il loro lavoro.