Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Uccide il figlio di sette anni, nasconde il corpo in un armadio e cerca di ammazzare l'ex moglie. Poi fuga, inseguimento e arresto

  • a
  • a
  • a

Ha ucciso il figlio di sette anni, poi ha cercato di ammazzare la moglie colpendola a coltellate. Dopodiché la fuga, l'inseguimento e finalmente l'arresto da parte dei carabinieri. E' accaduto in provincia di Varese tra la serata di Capodanno e questa mattina, domenica 2 gennaio. L'autore del folle gesto è un uomo di quarant'anni. Fonti investigative hanno confermato la notizia all'Agenzia LaPresse. La tragedia familiare è iniziata nella serata di Capodanno. L'uomo ha ucciso il figlio mentre era nella propria abitazione a Morazzone, vicino Gazza Schianno, in provincia di Varese.

La mamma del piccolo, ex moglie del quarantenne, era a casa dei propri genitori, dove vive. L'uomo, che stava scontando gli arresti domiciliari per reati contro la persona, l'ha raggiunta cercando di uccidere anche lei. Poi è fuggito e dopo ore di ricerche e un inseguimento è stato fermato dai carabinieri di Varese e di Saronno mentre era in fuga nella zona di Viggiù, al confine con la Svizzera

Secondo le prime ricostruzioni dell'ennesima tragedia familiare, nella serata di Capodanno è stata la donna, che era riuscita a salvarsi dall'aggressione, ad avvisare le forze dell'ordine. Sono immediatamente iniziate le ricerche da parte dei carabinieri. L'auto dell'uomo è stata individuata questa mattina, domenica 2 gennaio, nella zona del confine con la Svizzera. E' scattato l'inseguimento, un mezzo dei carabinieri è stato speronato, ma i militari hanno rincorso il quarantenne a piedi nei boschi e sono riusciti a bloccarlo. Dopo l'arresto, sono stati gli stessi carabinieri a scoprire il corpicino del bambino che era nascosto in un armadio dell'abitazione del padre. L'ex moglie è stata condotta al pronto soccorso di Varese e ricoverata, ma non sarebbe in pericolo di vita. A occuparsi delle indagini è la procura della Repubblica di Varese.